Choose your region

Eastern Europe
Northern Europe
Australia / New Zealand
or choose our
SEARCH
REGION: ITALY

CASE HISTORY CALLIGARIS

CALLIGARIS e CHG-MERIDIAN: flessibilità e trasparenza per una gestione strategica del parco IT

Calligaris, leader di mercato nell’arredamento made in Italy, nell’ultimo decennio si è affermata con crescente successo anche in ambito internazionale. CHG-MERIDIAN è il partner di riferimento per soluzioni di locazione operativa, con contratti basati su specifiche esigenze di approvvigionamento.

CALLIGARIS

Nel 1923, Antonio Calligaris avvia il suo piccolo laboratorio artigianale che produce la sedia tipica della zona di Manzano del Friuli, la Marocca; inizia così la storia di questa azienda, leader di   mercato nell’arredamento made in Italy, che nell’ultimo decennio si è affermata con crescente successo anche in ambito internazionale. L’attuale fisionomia del Gruppo Calligaris nasce dall’unione della tradizione artigiana, sinonimo di qualità, con l’industrializzazione che l’ha affermata sempre più nel proprio settore di riferimento.

LE NECESSITA’ DEL CLIENTE: APPROVVIGIONAMENTO IT EFFICIENTE PER UN PARCO IT TECNOLOGICAMENTE ALL’AVANGUARDIA

A oggi il Gruppo, con sede centrale a Udine, conta 600 dipendenti, cinque stabilimenti produttivi e ha sedi operative in USA, Giappone, Croazia, Francia e Gran Bretagna. Distribuisce oltre 800 prodotti in 80 Paesi del Mondo, con un fatturato annuale di oltre 120 milioni di euro. L’infrastruttura informatica ha accompagnato negli anni il trend di crescita costante dell’azienda: oggi è composta da oltre 300 postazioni di lavoro e vede una gestione centralizzata dei sistemi ERP, WMS, CRM, BI e di archiviazione sostitutiva. La composizione del parco informatico richiede particolare attenzione nella strategia di IT Management, proprio per le sue caratteristiche di eterogeneità: server fisici e virtuali, storage area network, desktop, workstation, laptop, soluzioni di stampa. “In un gruppo in costante crescita come il nostro, la strategia di IT Management riveste un ruolo fondamentale” spiega Paolo Michielin, CIO di Calligaris. “Fino al 2011, l’azienda ha sposato la strategia dell’acquisto dei beni informatici, che erano quindi tutti di proprietà; anche se questa scelta poteva essere idonea agli inizi, in seguito ci siamo resi conto a livello manageriale che non era più adatta a supportare il ritmo di crescita così dinamico che caratterizza la nostra azienda. Problemi legati alla frammentazione dei lotti di acquisto, accorpamento di ordini per progetti mirati, carico di lavoro per il replacement interno: sono solo alcuni degli aspetti che ci hanno portato a valutare la locazione operativa come scelta alternativa all’acquisto. Nel 2012 ci siamo avvicinati gradualmente a un paio di realtà operanti in questo mercato; abbiamo così avuto conferma di quanto la strategia della locazione rispondesse perfettamente alle nostre esigenze di dinamicità, per una tecnologia informatica costantemente all’avanguardia. I partner scelti, tuttavia, mostravano alcuni punti di debolezza: vincoli su specifici fornitori, problemi nella gestione dei resi a fine contratto, processi poco lineari.”

PAOLO MICHIELIN - RESPONSABILE SISTEMI INFORMATIVI E TELE-COMMUNICATIONS

“La nostra collaborazione ci ha permesso di raggiungere un buon livello di omogeneità tecnologica tra utenti di diversi reparti, con conseguente snellimento del carico amministrativo e ottimizzazione delle risorse, grazie alla pianificazione del budget IT per futuri investimenti."

CHG-MERIDIAN: LA RISPOSTA ALLE ESIGENZE DEL CLIENTE

Nel 2015, Calligaris decide di affidare a CHG-MERIDIAN la gestione del parco informatico, inizialmente solo per alcune postazioni per poi arrivare fino all’80% dell’intera infrastruttura. “La multinazionale tedesca si è differenziata per flessibilità e chiarezza, oltre che per condizioni economiche     concorrenziali; le soluzioni di locazione operativa proposte si traducono in contratti costruiti sulla base delle nostre esigenze di approvvigionamento, tenendo conto delle tempistiche dei progetti e lasciandoci massima libertà nella scelta dei vendor” continua Michielin. “La nostra collaborazione ci ha permesso di raggiungere un buon livello di omogeneità tecnologica tra utenti di diversi reparti, con conseguente snellimento del carico amministrativo e ottimizzazione delle risorse, grazie alla pianificazione del budget IT per futuri investimenti. Si tratta senza dubbio di un forte valore aggiunto, che ci ha portato a intraprendere anche un importante progetto mobile ormai in fase di  realizzazione. Flessibilità e trasparenza: due aspetti fondamentali per una collaborazione vincente; aggiungo inoltre che la presenza di un accountdedicato arricchisce ulteriormente la nostra partnership, in quanto ci permette di costruire di volta in volta soluzioni mirate in base alle nostre esigenze aziendali” conclude il CIO di Calligaris.